+39 0362 637 637 info@retipiu.it

Progetto

MUGGIÒ

Mausoleo dei Conti Casati

 

Interventi di restauro conservativo

 

Destinazione dell’eventuale contributo di RetiPiù: finanziamento in quota delle tre fasi di progetto.

Il Mausoleo Casati è per la città di Muggiò un prestigioso luogo non solo dal punto di vista della tipologia architettonica ma soprattutto per il valore storico: esso racchiude un importante momento della storia d’Italia, riportando alla memoria fatti storici che vanno dal Risorgimento alla Resistenza, con significativi rimandi all’Unità d’Italia e all’origine dell’istruzione pubblica.Molti dei membri della nobile famiglia Casati di Milano che nei secoli hanno soggiornato nella Villa di Muggiò (ora sede del Municipio), hanno intrecciato la loro vita con le vicende storiche e politiche d’Italia.
In particolare nell’Ottocento i Conti Casati diedero un contributo speciale alla lotta d’Indipendenza nazionale aderendo fattivamente alle idee di libertà e d’indipendenza dell’Italia dal governo austriaco.
Nella parte vecchia del cimitero di Muggiò si trova il MAUSOLEO CASATI, la cappella funeraria della nobile famiglia Casati voluta proprio qui da Gabrio e Camillo per dare il riposo eterno ai propri familiari. Un muro di mattoni intonacato delinea su tre lati l’area cimiteriale nella quale sono disposte le tombe nobili, mentre sul perimetro esterno di recinzione trovano collocazione le lapidi in ricordo di domestici e persone legate alla famiglia.
Il primo documento certo della sua esistenza risale al 1833, anno in cui è stata celebrata la sua benedizione, pertanto si presume che la data di costruzione possa essere fatta risalire a qualche anno prima, forse al 1830 anno di morte di Teresa Casati per la quale i fratelli Gabrio e Camillo vollero la sepoltura in Muggiò.
Il complesso denominato “MAUSOLEO CASATI” è costituito da un’area di circa 500mq chiusa sui lati sud-ovest e nord da una recinzione alta circa 4 metri, realizzata con mattoni e pietre, coronate superiormente da tegole in cotto. Lo stato attuale del nobile complesso funerario, presenta una condizione di decadimento che caratterizza ogni singolo materiale con differenti problematiche di degrado. Il progetto prevede un restauro conservativo in tre fasi: messa in sicurezza degli elementi architettonici pericolanti, restauro conservativo dell’intero muro perimetrale e del corpo di fabbrica più antico, restauro conservativo e pulitura dei manufatti tombali e delle iscrizioni.

 

Per saperne di più

 

 

Costo previsto € 110.000,00 oltre a IVA